MINDFULNESS

Mindfulness significa prestare attenzione, con intenzione, al momento presente (nel qui ed ora), mantenendo un atteggiamento aperto e non giudicante verso tutto ciò che accade

La scelta di rendere la pratica Mindfulness integrata ai percorsi proposti, nasce dall'assunto fondamentale che un atteggiamento meditativo consapevole e compassionevole ha un ruolo determinante nello sviluppo e maturazione di stati mentali costruttivi, che definiamo "qualità dell'essere" ( calma, benevolenza, equanimità, empatia nella gioia).

Grazie a queste qualità è possibile attivare una capacità di "cura e guarigione" che appartiene non tanto al terapeuta, ma al contesto ed alle dinamiche relazionali in gioco, quando fondate su consapevolezza, presenza ed amore.

In questo senso distinguiamo diversi livelli e finalità di consapevolezza che raggiungono l'essere a profondità differenti:

 

- in primo luogo si può parlare di consapevolezza ed investigazione rispetto alla propria storia con l'obiettivo di riconoscerne i valori fondanti e orientare le azioni presenti.

 

- in secondo luogo, a livello metacognitivo, si utilizza la mindfulness non per focalizzarsi sui contenuti dell'esperienza, quanto per dare attenzione al processo: si impara a riconoscere il modo in cui operano i pensieri in rapporto con il corpo e le emozioni, cercando di trovare un equilibrio che nutra la resilienza e spenga la reattività.

 

- infine, si tocca un livello che non appartiene più solo ad una dimensione di mindfulness "psicologica", ma riguarda una dimensione transpersonale, più vicina alle origine vere e proprie di questa pratica: il focus è la visione profonda delle caratteristiche universali dei fenomeni (come l'esistenza della sofferenza o l'impermanenza) che, attraverso la meditazione, porta non solo al raggiungimento dell'equilibrio emotivo, ma arriva a sviluppare l'intuizione profonda della effettiva natura della realtà che include tutti i fenomeni esistenti.